Criceti

Il criceto è un perfetto animale da compagnia, è grazioso, simpatico e vivace, non occorre molto spazio per mantenerlo, costa poco gestirlo ed acquistarlo, se teniamo periodicamente pulita la gabbia non emana nessun odore sgradevole, non trasmette malattie all'uomo, infine è pure silenzioso; non è quindi adatto solo ai bambini ma anche agli adulti che trovano divertente la sua vivacità; la sua natura notturna fra l'altro è particolarmente indicata per chi lavora tutto il giorno godendo della loro compagnia alla sera; è facile accudirlo ma occorre quotidianamente piccole attenzioni quindi non è adatto per i bambini molto piccoli che non possono assumersi queste responsabilità ma utile e educativo ai più grandicelli che imparano a prendersi cura di una creatura viva, di contro occorre una gabbia spaziosa, non ama essere coccolato e alcuni non si addomesticano, occorre un pò di tempo per accudirlo ed ha una vita breve. Non è particolarmente difficile allevarli garantite però un'abitazione adeguata ed una giusta alimentazione.
E' necessario pensare a dove metteremo la casa prima di acquistarli tenendo presente che sbalzi di temperatura, correnti d'aria ed i raggi del sole non sono salutari, anche altri animali come cane e gatto sono da considerare.

 


 

La loro dentatura è molto robusta di conseguenza il nido deve essere altrettanto robusto altrimenti un foro consentirebbe a tutti di scappare per casa che, con conseguenze prevedibili.
La dimora ideale sarebbe una tana nel terreno creata magari in un terrarium come già pronti se ne possono trovare in Olanda e Germania oppure, se amate il bricolage, potrete costruirne uno con le pareti di vetro, oppure di una grande gabbia di ferro, con i lati di rete metallica, a grandi maglie, lunga un metro, profonda 30 cm e alta 35 cm. La struttura portante deve essere metallica per sostenere il peso della gabbia o del vetro. Per dare l'illusione di essere nel loro habitat ricopriremo la base del terrarium di terra, rocce, ghiaia, tronchi d'albero e piante. Trifoglio, insalata e altre piante creeranno l'ambiente più realistico e faranno ombra, sarà necessario inserirle in piccoli recipienti coprendoli con un po' di terra ed una reticella fitta sulla superficie del recipiente per far si che noi non sradichino tutta la pianta. In un terrarium così ben fatto potranno stare anche in tre o quattro e vedrete come cominciamo subito a scavare.
Questa sarebbe la soluzione ideale, diversamente si può scegliere la classica gabbia l'importante è che non sia più piccola di
50 cm x 25 cm x 25 cm per un solo animale, non deve essere rotonda perché amano gli angoli e naturalmente non dovrà essere di legno perché si impregnerebbe della loro urina e poi ricordiamoci che sono roditori....!
La base della gabbia sarà possibilmente asportabile per consentire una rapida pulizia e vi si dovrà depositare del granulato igienico ottimo, perché naturale e non tossico, la lettiera ricavata dalle pannocchie di mais facilmente reperibile in tutti i negozi di animali, assorbe molto e, naturalmente, non aggiungere profumi.
La base avrà un rialzo di 10 cm circa per proteggerli dalle correnti d'aria, poi inseriremo un nido che se ne trovano di varie forme ed a disposizione dei fili di cotone e di lana che consentiranno di renderla più accogliente.
Non deve mancare una ruota che serve per allenamento visto che in natura possono anche percorrere alcuni chilometri per procurarci il cibo, ed altri passatempi come scale, tubi sempre tutti a prova di denti. Utile, ripetiamo, una passeggiata quotidiana fuori dalla gabbia in completo controllo visivo ovviamente.

Un ambiente adeguato ed una sana alimentazione sono le condizioni essenziali per una  vita sana. Dovrà essere equilibrata e varia visto che sono onnivori contenere insomma proteine, idrati di carbonio, vitamine e minerali.
Un menù vario e ricco contenenti di base però chicchi di cereali e leguminose ma anche biscotti, frutta , verdura e carne a pezzetti; la frutta e la verdura saranno accuratamente lavate e asciugate per rimuovere tutti i prodotti chimici con le quali vengono trattati, asciugate al fine di evitare fenomeni di meteorismo. Sono abitudinari ed anche se mangiano a qualsiasi ora del giorno e della notte è meglio che venga somministrato il cibo sempre allo stesso orario. D'estate, soprattutto, controllate quotidianamente che frutta, verdura ed eventualmente carne come qualunque cibo deteriorabile, non sia guasto e ,magari, è necessario dare un'occhiata anche alla riserva di cibo che, come in libertà, continuano a fare nel punto che ritengono più opportuno, ricordate che per loro il "magazzino" è sacro ed inviolabile se dovete ripulirlo eseguite le operazioni di pulizia non in loro presenza. Ecco alcuni alimenti che noi vi consigliamo:

Ed ora invece quelli che sono da evitare:

Se dovete assentarvi per qualche giorno sarà necessario assicurarsi che la gabbia sia accuratamente chiusa onde evitare spiacevoli inconvenienti e lasciare a disposizione molta acqua, alimenti secchi, biscotti specifici cioè senza zucchero, frutta fresca e verdura ma non tanta in modo che possano finirla prima che fermentino per evitare seri disturbi intestinali.

criceti passano la maggior parte del loro tempo a pulirsi ed anche dopo i pasti una ripassatina con le loro zampette sul musetto non manca mai.

Se poi volete farli contenti, potete acquistare della sabbietta che comunemente viene venduta per la pulizia del pelo del cincillà, vi si rotoleranno dentro per farsi ancora più belli.

Sono animaletti crepuscolari e notturni hanno uno specie di orologio biologico che ad una certa ora li sveglia; intorno alle sedici, per i soggetti più giovani, cominciano a svegliarsi e, restando dentro al nido, si puliscono meticolosamente e mangiano qualcosa magari ad occhi chiusi, sistemano il loro magazzino e fanno qualche provvista di cibo; verso la mezzanotte sono completamente svegli e, con una gran voglia di muoversi, cominciano con corse folli sulla ruota, salti, giochi vari di equilibrio e dentro ai tubi,poi verso il mattino riprendono a pulirsi e ritornano nella tana. Tenendo conto di queste esigenze raccomandiamo di tenere le gabbie non proprio vicino alle  camere da letto per non disturbare. Di giorno dormono o meglio sonnecchiano perché sono sempre allerta, meglio non disturbarli durante il sonno. Quando si costruiscono il nido con il fieno noterete come riescono a creare una comoda conchiglia ottenuta girandosi su se stessi, anche senza un nido si appallottolano come i ghiri cioè con il muso contro la coda, cambiando frequentemente questa posizione fino a perfezionarla, partendo da seduti con la testa leggermente contratta; poi stendono le zampe verso il petto e con il muso poco a poco verso la coda. Questa forma a palla è più visibile d'inverno, mentre d'estate potrete anche vederli stesi sul dorso.

Il sonno ha quattro fasi :

Durante il sonno si possono vedere fremiti delle orecchie, movimenti delle zampe come se corressero e tremiti questo perché stanno sognando; ma basta un leggero rumore sospetto che si svegliano all'istante.

Può essere che dopo aver acquistato una coppia di criceti vi capiti una bella nidiata, è possibile sempre regalare qualche delizioso cucciolo ad amici, persone che vogliono bene agli animali ed ai negozianti. Chi volesse invece fare un allevamento di criceti dovrà ricordare quanto segue:

 

La femmina è disponibile solo poche ore ogni quattro giorni e per tutti i provetti allevatori raccomandiamo di favorire gl' incontri negli spazi aperti, la femmina non sempre accetta il maschio e se così non fosse sarebbero guai seri per il conquistatore che molto probabilmente si ritroverebbe mutilato, diversamente il maschio la copre ripetutamente per una ventina di secondi ripulendosi frequentemente. Dopo l'accoppiamento è necessario separare nuovamente i partners e rimetterli ognuno nella propria gabbia.
La gestazione dura 16 giorni ed la più breve di tutti i mammiferi eccezion fatta per i marsupiali, e dopo una decina di giorni noteremo 2 rigonfiamenti laterali nella neo mamma, la quale va nutrita con alimenti che non la facciano ingrassare per non compromettere il parto, è indispensabile aggiungere vitamine diluite nell'acqua, verdure fresche, pane bagnato nel latte. E' altrettanto importante non disturbarla per non innervosirla. Quando si avvicina il momento del parto sarà necessario pulire accuratamente la gabbia lasciarle a disposizione un'abbondante riserva di cibo composta da miscuglio di granoturco, avena senza il rivestimento, grano, girasole, frutta , latte e verdura fresca, lasceremo dentro alla gabbia anche della lana e/o cotone per poter creare un soffice nido, come struttura per il nido una casetta va benissimo.
Quando l'ora del parto è prossima la criceta camminerà nervosamente ma questo l'aiuterà per il parto.
I piccoli nascono ciechi, senza pelo e le zampe fornite di unghie affilate, il peso del piccolo è di soli 2 grammi, dopo 5 giorni è di 5 grammi a 25 di 30 grammi e dopo 2 mesi raggiunge il peso di un adulto che è di 100 150 grammi, dopo pochi giorni dalla nascita si vedono gli incisivi e se vengono nutriti bene dalla madre avranno una bella pelle liscia e rosa. Non toccate assolutamente le provviste alimentari ne tantomeno i cuccioli, e dopo il quinto giorno dal parto nutrite la madre con insalata e carote che lei porterà ai suoi piccoli che sono già in grado di rosicchiare da soli.
All'inizio della quinta settimana bisogna dividere la nidiata a seconda del sesso.
I criceti sono animali asociali e nella  beneaugurata ipotesi che un piccolo gruppo si riesca a formare, sappiate che non sarà mai accettato un estraneo, sono molto aggressivi. Esistono comunque specie di criceti (es. russi) che hanno un comportamento opposto a quanto descritto fin qui.

Allo stato libero, quando la temperatura esterna scende, le  attività rallentano e appallottolandosi si trasformano in una palla gelata.

Sessare i criceti è molto facile perché risulta evidente quanto segue: la forma posteriore del maschio è a pera e si nota molto, è necessario però che abbia almeno tre settimane di vita, la femmina è tonda ed esaminando le parti genitali il maschio ha il sesso a 6 mm dal'orifizio anale mentre la femmina ha il sesso e l'orifizio anale così ravvicinati che sembrano fare un tutto unico.

In cattività generalmente dormono solo un po' di più ovviamente d'inverno, se doveste vederli immobili con gli occhi chiusi e con il corpo freddo, non confondetelo con la morte! Assolutamente non svegliateli perché potrebbero essere fortemente turbati, sarà necessario spostare la gabbia in una zona tranquilla e calda, cambiando spesso il cibo e senza dare alcun liquido acqua compresa.

Considerato quanto detto riguardo alla posizione della  gabbia, diffidate di chi vi vuole vendere due criceti per farsi compagnia, il peggior nemico di un criceto è un altro criceto che tollera solo se di sesso opposto, in particolare la femmina deve essere più giovane del maschio. Visto purtroppo la breve vita ,circa tre anni, comprateli da giovani, li potete riconoscere da una leggera peluria che ricopre le orecchie, possibilmente non inquieti, con il pelo lucido, morbido e liscio, gli occhi vivaci e non cisposi, non magri dove risulti visibile la colonna vertebrale o l'orifizio anale bagnato, gonfiori sul corpo o alle zampe oppure orecchie sono indicatori di cattiva salute.

Una sana alimentazione e l'igiene degli alloggi mantengono il nostro amico in buone condizioni. In cattività le sue naturali difese tendono a svanire e quindi è più soggetto a vari disturbi, ma come vedere questo stato di malessere?
La mancanza di appetito è il segnale più evidente seguito da una posizione di appallottamento con le orecchie diritte ed il pelo irto. Potrebbe bastare due o tre giorni d' isolamento in questo stato visto che spesso il criceto può curarsi da sé, ma preferiremmo consigliarvi di andare da un veterinario specializzato in piccoli animali per fare una diagnosi e trovare una cura adeguata, non improvvisatevi voi stessi veterinari però fate tesoro di questi consigli che potrebbero esservi utili:

Diarrea

Una cattiva alimentazione od un colpo di freddo spesso causano attacchi di diarrea che può essere rimediata lasciando il nostro amico a digiuno e senza acqua per 24 ore, nutrirlo con pasta di riso e d'avena, riso crudo per 2 volte al giorno. Anche un purè di carote aggiungendo 5 gocce di una sostanza astringente come una soluzione di 0,6 g in 30 cm3 d'acqua di acido tannico, e pulire accuratamente la gabbia.

Raffreddore

Gli sbalzi di temperatura sono pericolosi per noi : in genere i criceti si appallottolano e con il musetto sporco di mucosità viscose e gialle, respira con difficoltà.In questi casi è necessario mettere il criceto in una gabbia infermeria, ripararlo dalle correnti d'aria e lavandogli il muso con acqua calda nutrirlo con frutta verdura e vitamina C.

Ascessi

Le punture d'insetti o ancor peggio le ferite infette causano pericolosi ascessi che vanno assolutamente curati da un veterinario, noi possiamo intervenire con soluzioni iodate e acqua ossigenata a 10 volumi, sempre sotto il presidio medico sanitario nei casi più gravi bisognerà applicare dei cataplasmi all'ittiolo.
Un caso purtroppo frequente capita quando il criceto mangia qualcosa di molto duro e particolarmente ruvido provocandogli delle ferite nelle guance, oppure gli incisivi sono così lunghi da tagliargli il labbro, onde evitare che possano degenerare in setticemia dovremo rivolgerci immediatamente da un veterinario.

Congiuntiviti

Possono verificarsi a causa di colpi d'aria od il pulviscolo creato dalla sabbia utilizzata come fondo gabbia, in questi casi meglio utilizzare del tutolo di mais come fondo gabbia che è naturale e non genera polvere, se trattasi di un colpo d'aria un collirio decongestionante prescritto dal vostro veterinario risolve il problema; attenzione! Perchè a volte può essere un campanello d'allarme per altri problemi che sono sfociati in ascesso come perforazione del palato per denti lunghi oppure infezione oculare; meglio come sempre una veloce diagnosi precisa da parte del vostro medico veterinario.

Scabbia

Si presenta sotto forma di piccoli rigonfiamenti purulenti in genere in prossimità del muso, orecchie e zampe. Dopo aver disinfettato accuratamente tutta la gabbia bisognerà applicare al criceto una lozione specifica.

Stitichezza

La causa spesso è un'alimentazione sbagliata che oltre ad essere rivista momentaneamente andrà corretta con un po' d'acqua e succo di pomodoro, molte verdure e , nei casi più ostinati un po' di olio di vaselina da 0,5 cm3, la cura va' terminata non appena le funzioni intestinali riprendono a funzionare correttamente.

Caduta del pelo

Una mancanza di vitamine può causare fra le tante cose anche caduta del pelo che può essere corretta con un'adeguata alimentazione e somministrare vitamine mescolate con il cibo o l'acqua acquistandole nei negozi specializzati per animali.

Pulci

Generalmente i criceti non hanno questi parassiti che comunque possono ospitarli se la gabbia è molto sporca, in caso ci fossero è necessario pulire la gabbia con un disinfettante. Non usate assolutamente DDT che sono letali per i criceti!

Denti e unghie lunghi

Accade se il criceto è malnutrito e non mangia alimenti duri che possono limare i suoi incisivi, in questo caso è necessario mettergli a disposizione degli oggetti duri e ruvidi come il legno o la pietra pomice, alimentare il criceto anche con pane duro ad esempio e comunque è necessario portarlo dal veterinario per limargli i denti che se troppo lunghi non consentono all'animale di mangiare e lo feriscono provocando ascessi spesso mortali.

Ora vi diremo come sia possibile simpatizzare con l'uomo: siono animaletti simpatici docili e intelligenti,ma occorre un po' di tempo prima che possano ambientarsi nella vostra casa ed a voi in particolare! Quindi inizialmente sarà opportuno dargli solo da mangiare , pulire dove è necessario e nulla più onde evitare di spaventarli troppo; poi, piano piano, comincerete a dargli da mangiare dalla vostra mano e così gradualmente, ed in base anche al loro carattere e temperamento, comincerà una sorta di addomesticamento.  Successivamente potrete senza indugio accarezzarli meglio se dopo mangiato.
Molto importante per la loro salute la necessità di poter fare un giretto al di fuori della gabbietta, potrete metterla per terra e lasciarli passeggiare almeno mezz'ora al giorno in assoluta libertà facendo ovviamente attenzione a tutto ciò che è molto pericoloso per la loro incolumità: le fonti di calore dirette, i buchi nei muri, i canali di scolo, il retro del frigorifero o della cucina a gas, i cavi elettrici ecc.Vi capiterà spesso vedere durante le loro scorribande nelle zone della casa che hanno visitato, piccoli cumuli di cibo, sono i loro "magazzini" esterni.

Come tenerli in mano

Prenderli in mano è sicuramente una sensazione che non si può rinunciare, sono animali molto puliti ed hanno un pelo morbido ed è irresistibile accarezzarli, attenzione perchè corrono lungo le nostre braccia e spalle. E' necessario però sapere come prenderli per non fare del male: da cuccioli anche la mamma li trasporta dalla collottola quindi è possibile prenderci da li oppure potete mettere una mano sotto il nostro ventre, col nostro muso rivolto verso di voi. Se non sono addomesticati oppure avete paura, potrete usare dei guanti protettivi per evitare dei morsi che comunque non sono pericolosi, riteniamo importante, visto l' olfatto sviluppato, far sentire il vostro odore per riconoscervi meglio.

I criceti e gli altri animali

I criceti sono molto appetitosi per diversi animali quindi raccomandiamo di non tenerli con voi se già avete un gatto che li vedrebbe inevitabilmente come grossi topi, i rettili che li mangiano, una convivenza può essere instaurata con un cane entro certi limiti però, se giriamo per casa potrebbe suscitare istinti poco amichevoli in lui.

Ne esistono tante di razze che generalmente solo degli allevatori professionisti sono capaci di realizzare, gli amatori generalmente riescono a fissare un colore stabilmente per diverse generazioni.
Esistono almeno 21 tonalità di colore fra noi, ed alcuni stanno cercando di ottenere il blu nel nostro mantello ma per ora vi è una razza leggermente azzurra, vi indicheremo ora alcune razze maggiormente ricercate:

Cannella

Una razza diffusa nel territorio americano con un mantello color marrone tendente all'arancio, il ventre è di color crema mentre le orecchie e le guance sono color cannella che diventando anziano aumenta d'intensità.

Bianco con le orecchi e con gli occhi scuri

Questo criceto è completamente bianco con gli occhi neri e le orecchie grigie.

Crema con gli occhi neri

Il colore più diffuso tra noi: i giovani sono color crema che con l'età diventa albicocca. Le orecchie e gli occhi sono scuri. Il pancino è di un bianco candido tendente al platino.

Rosso rubino

Questa razza si differenzia dalla precedente per un colore del manto tendente al rosso.

Albino

Occhi rossi , orecchie rosa e manto bianco contraddistinguono questa razza.

 

Criceti Russi

Il suo nome è PHODOPUS CAMPBELLI e appartiene all'ordine dei roditori.

Quanto vive? Può vivere fino a 2 o 3 anni.

Dove vive?

il suo habitat naturale sono le fredde pianure russe, ma questi esemplari sono nati in cattività ed in casa necessitano di una gabbia che misuri almeno 60 x 30 x 30 h che è meglio posizionare all'interno, se la temperatura scende sotto i 10° C può andare in letargo. E' importante evitare di sottoporlo a sbalzi eccessivi di temperatura. Ama avere un posto in cui nascondersi rivestito di fiocchi adatti per criceti.

Cosa mangia?

Prevalentemente si nutre di cibi secchi composti da frumento, avena, arachidi e girasole, ma apprezza molto anche cibi freschi come frutta, soprattutto banana, pera e uva, spinaci, carote,ecc. E' goloso di mandorle, noci e nocciole. Ogni tanto può mangiare anche biscotti, cornflakes e pane secco. Lasciare a sua disposizione anche sali minerali e vitamine, nonchè pezzi di legno da rosicchiare.

Igiene e cure

Lavate la sua gabbia con un disincrostante circa una volta alla settimana, se utilizzerete lettiere adeguate (segatura di legno) durante tali intervalli di tempo non sentirete alcun odore sgradevole. Mettete a sua disposizione anche un contenitore basso contenente sabbia per chinchillà che lui userà volentieri per ripulire la sua pelliccia. Regolarmente è bene controllare che le unghie e i denti non siano cresciuti troppo, in tal caso dovrete provvedere al più presto per il taglio.

Dal veterinario quando?

Il criceto sano ha una temperatura corporea che varia dai 37 ai 38° C. Parassiti o carenze vitaminiche possono provocare la perdita del pelo con conseguente scopertura della pelle. Soffre facilmente di affezioni polmonari o diarree. Per queste ragioni è bene somministrargli regolarmente complessi vitaminici adatti, non mettete mai la gabbia in luoghi freddi o esposti a correnti d'aria e non fornigli alimenti freschi con troppa frequenza (una volta alla settimana è l'ideale). Nel caso vi sembri meno attivo del solito o notiate ascessi o altre infiammazioni è meglio farlo visitare. Purtroppo a volte possono svilupparsi dei tumori nel suo organismo, patologia per cui non esiste alcuna cura. un ottimo metodo per diagnosticare un eventuale stato di malessere è quello di osservare l'animale quando è sano per notare subito un eventuale cambiamento del suo comportamento.

Le sue abitudini

Il criceto russo è notturno quindi di giorno dorme spesso, mentre di notte è attivissimo. E' bene non disturbarlo quando dorme. E' un grande scavatore e adora nascondersi. Predilige la vita solitaria, al punto che spesso in ambienti ristretti attacca violentemente i compagni. E' territoriale quindi difficilmente accetta nella sua gabbia altri esemplari adulti senza combattere per la supremazia. E' curioso e adora giocare con scalette, scivoli, ruote ed ogni sorta di nascondiglio.

ATTENZIONE: Il materiale informativo e le immagini non sono proprietari di questo web. Alcune di esse hanno origine spesso di difficile identificazione. Se il legittimo proprietario si sentisse leso del loro uso in questo sito, su sua segnalazione, ne avverrà l'immediata rimozione.